‘Ehm’, ‘uh’… così le pause ci aiutano a prevedere le parole che dirà il nostro interlocutore
> Repubblica – ScienzePubblicato il 10-03-2019