Grazie al “copia e incolla” del Dna, si pensa a gatti che non provocheranno allergia agli umani
> Repubblica – ScienzePubblicato il 20-07-2018