“Nel riconoscimento facciale il rischio della sorveglianza di massa. Ma è la stupidità umana la più pericolosa”
> Repubblica – TecnologiaPubblicato il 26-05-2019