DI SIMONA LANCIONI* (INFORMARE UN’H)

Il 1 settembre 2015 l’Associazione Italiana Persone Down (AIPD) ha avviato il progetto “Diritto ai diritti”, che ha una durata di 12 mesi, ed è stato finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali con la L.383/2000, lett. f, anno finanziario 2014. L’obiettivo principale del progetto è quello di promuovere la partecipazione attiva alla vita sociale delle persone adulte con sindrome di Down attraverso metodologie di intervento avanzate e la collaborazione con le istituzioni pubbliche. In concreto l’AIPD si propone di incrementare nelle persone Down la consapevolezza e l’esercizio dei propri diritti di cittadinanza, con particolare riguardo all’espressione delle proprie opinioni e all’esercizio del diritto di voto, e di cercare di superare le difficoltà riscontrate nell’esercizio dei diritti in questione.

Una giovane persona con sindrome di Down legge un libro.

Una giovane persona con sindrome di Down legge un libro.

Ed è proprio nell’ambito di questo progetto che Guida al referendum del 17 aprile 2016, denominata “Il tuo voto conta!!! Referendum sulle trivellazioni 17 aprile 2016”. Tale Guida è stata scritta con criteri di “alta leggibilità”, e spiega, in termini semplici e accessibili, il contenuto del quesito referendario, le motivazioni del SI e del NO, e le conseguenze nel caso vinca il SI o il NO. In un banner appositamente realizzato per l’occasione è inoltre possibile rispondere ad un breve questionario on line nel quale viene richiesto un parere sull’effettiva accessibilità della Guida.

I cittadini e le cittadine con disabilità intellettiva maggiorenni conservano il diritto al voto anche in caso di interdizione. Un’ulteriore scheda sul “Diritto al voto” fornisce istruzioni sull’esercizio di questo diritto.

Per approfondire si consiglia di visitare il sito dell’AIPD: http://aipd.it/

Fonte